sabato 6 dicembre 2014

Tante persone, un'unica storia



Tante persone, un’unica storia.


Si è svolto nella sede centrale dell’Istituto Don Colletto di Corleone un incontro tra i ragazzi del liceo, attualmente in occupazione, e i ragazzi immigrati, che sono stati ospitati nella struttura della “A’ Giarra”. Questi ragazzi, provenienti da diversi paesi, appartenevano a situazioni sociali diverse, vivevano condizioni economiche diverse, ma sono stati accomunati da una drammatica esperienza: la fuga dall’orrore della guerra che hanno deciso di lasciarsi alle spalle.
 Una scelta difficile, importante ma, per certi aspetti, quasi obbligata. “Vengo dalla Nigeria. Ho attraversato il Niger, ho deciso di dirigermi sempre più verso nord, sono arrivato in Libia. Lì dovevo scegliere se fermarmi o continuare, stavolta per mare. Ma in Libia c’è la guerra e una situazione troppo difficile, perciò dovevo scegliere se scappare per continuare a vivere, o fermarmi e morire”. Le parole di questi ragazzi sembravano esprimere una stessa storia e spesso finivano per ripetersi, perché durante quel viaggio per la vita diventi fratello, e non compagno, delle persone che sono con te. “Se sono seduto qui oggi, a parlare con voi, è solo grazie a Dio. L’unica certezza in quel viaggio era la mia fede in Lui. Ho attraversato il deserto e il mare per arrivare qui in Italia, per trovare la pace, avere un futuro sereno; tutto questo sarebbe stato impossibile se non mi fossi affidato a Dio”. La fede è l’elemento che accomuna tutti questi ragazzi, che hanno elargito ringraziamenti e benedizioni all’Italia, a Corleone, alle persone che si prendono cura di loro e perfino a chi li incontra per strada e non li insulta. Quando lasci la tua casa, la tua famiglia, il posto in cui sei nato e cresciuto, dove stai studiando per diventare qualcuno, lasci lì un pezzo di vita, ma con la speranza di trovarne altrove una migliore e piena di pace. Molte di queste persone sono state arrestate, molti hanno raccontato di aver passato settimane o mesi in prigione, senza aver commesso reali crimini, solo perché parlavano con una donna o, più semplicemente, perché stavano scappando. I ragazzi del Don Colletto, organizzatori e conduttori della manifestazione, hanno cercato di focalizzare l’attenzione soprattutto sulla vita che questi ragazzi, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, conducevano prima di partire: “Io lavoravo in banca, la mia era una buona famiglia. Li hanno uccisi tutti, hanno assassinato tutta la mia famiglia. Hanno lasciato solo me e perciò ho scelto, ho dovuto scegliere di andarmene, di scappare”. “Il viaggio dura diversi mesi. Prima ci si muove a piedi. Io vengo dalla Guinea. Ho attraversato tutta l’Africa e dall’Algeria ho preso la barca e abbiamo attraversato il mare. Per diversi giorni non abbiamo mangiato, non abbiamo bevuto, costretti a resistere in una barca troppo piena di persone. Moltissimi sono morti”. “Voi vi conoscevate da prima o siete diventati amici qui?” “Io di questi ragazzi non conoscevo nessuno, ma abbiamo fatto le stesse scelte, abbiamo scelto tra la vita e la morte, e adesso loro sono miei fratelli. Loro, insieme alle persone di Corleone che ci danno affetto e sostegno, sono diventati la mia famiglia”. L’incontro è stato fortemente voluto dai ragazzi del liceo, perché vivono a contatto con nuove realtà, che vogliono iniziare a conoscere. Alla fine della discussione c’è stato anche un momento di integrazione sociale: sia i ragazzi del liceo che i ragazzi ospiti della giornata hanno iniziato a ballare insieme e cantare. Mai dimenticare che non è il colore della pelle a distinguere le persone. È stato un incontro che ha portato un forte arricchimento umano a tutti gli studenti del Don Colletto che sono hanno ascoltato le storie di queste persone, che porteranno sempre con sé.


Agnese Salemi
V L
Liceo Classico “Don G. Colletto”

mercoledì 26 novembre 2014



"Sabato 29 novembre 2014 i volontari della Caritas Parrocchiale di Marineo e MarineoSolidale ONLUS saranno presenti nei supermercati R7 ed MD per l'annuale giornata della colletta alimentare."

domenica 11 maggio 2014




Nei prossimi giorni nella apposita sezione trasparenza oltre ai bilanci troverete i documenti contabili delle spese dei progetti finanziati con i fondi del 5 per mille.

venerdì 11 aprile 2014

Concorso Fotografico


Concorso fotografico dal tema:

“Gli  altri e noi


MarineoSolidale ONLUS in occasione del decennale della sua attività  a Marineo, in collaborazione con il CESVOP,   lancia un concorso fotografico sul rapporto con gli altri, la percezione del sistema di relazioni con le persone, l’ambiente e  le cose, invitando  a guardare  la realtà attraverso l’obiettivo di una fotocamera.
L’iniziativa  vuole anche essere un’occasione di riflessione sul tema del volontariato, definendo il ruolo che ha nella crescita della coscienza civile e nella scoperta, da parte del mondo giovanile, dei valori condivisi  di una società che si va  profilando sempre più multiculturale.
Vedere guardare agire,  analizzare la realtà, fare emergere i sogni e i bisogni; mettersi in gioco per  scoprire insieme cosa si può fare, cosa ciascuno può fare e come può essere protagonista nei processi di cambiamento e costruzione della società come cittadini attivi e responsabili.
La proposta mira a coinvolgere i giovani della delegazione CESVOP di Marineo, i ragazzi dell’accademia di Belle arti di Palermo e i docenti di riferimento per la ricerca fotografica; adesioni già  si sono registrate dai giovani dell’ oratorio salesiano  BelleVille della capitale del   Burkina Faso Ouagadougou   e dai giovani di Sainte-Sigolene, cittadina francese  con la quale Marineo è gemellata da  30 anni. L’esito della ricerca mira a realizzare una  Mostra fotografica nella prossima estate dove gli scatti selezionati saranno accompagnati da un pensiero dell’autore sul suo vissuto in rapporto alla realtà presentata.
Sono previsti premi per le prime tre opere classificate.
Per informazioni sono a disposizione la mail: marineosolidaleonlus@katamail.com, numero telefonico  3478377151 e profilo Facebook: Marineo Solidale. E' possibile scaricare copia del regolamento (http://marineosolidaletesti.blogspot.it/2014/04/bando-concorso-fotografico.html) e ottenere ulteriori informazioni in merito al concorso sul sito dell’Associazione http://marineosolidale.blogspot.it/ e dal sito web del CESVOP www.cesvop.org/‎
MarineoSolidale ONLUS
La Presidente Vilardi Antonina

mercoledì 27 novembre 2013

30 novembre 2013 Giornata della raccolta del Banco Alimentare


Sabato 30 novembre 2013 sarà la Giornata della Colletta del Banco Alimentare.
I volontari della Caritas Parrocchiale e di MarineoSolidale Onlus saranno presenti  nei supermercati R7 e MD Discount per raccogliere gli alimenti da destinare alle famiglie in difficoltà assistite a Marineo.
Sono oltre cento le famiglie che da alcuni anni ricevono un sostegno concreto grazie alla convenzione stipulata dalla Caritas Parrocchiale e MarineoSolidale ONLUS con il Banco Alimentare.  In tempi di crisi, come quelli che stiamo vivendo, molti nostri fratelli stentano ad assicurare alle proprie famiglie anche la disponibilità dei generi di primaria necessità. Grazie alle due distribuzioni mensili ed al lavoro dei volontari viene garantito a questi nostri fratelli una scorta di alimenti che li aiuta nella gestione dei bisogni delle rispettive famiglie.
Vi aspettiamo numerosi per contribuire alla raccolta e, se vorrete, per dare una mano alle nostre attività.




lunedì 15 luglio 2013


Mercoledì 17 luglio alle ore 21.00 in Piazza Sainte-Sigolène, nell'ambito degli incontri estivi organizzati dalla Parrocchia SS Ciro e Giorgio, l'Associazione MarineoSolidale ONLUS presenta una riflessione dedicata alle adozioni a distanza. Interverranno il  Parroco Don Leoluca Pasqua, Nella Vilardi Presidente dell'Associazione ed il missionario Rogazionista Vito Lipari che da decenni opera ad Aluva nella regione del Kerala in India. Seguiranno le testimonianze delle famiglie di Marineo che hanno già attivato un'adozione.

L'associazione MarineoSolidale Onlus si accinge ad intraprendere una serie di iniziative in occasione dell'importante ricorrenza del suo decennale. Impegnata nel duplice fronte della realizzazione di micro progetti in Africa ed India e dall'aiuto alle emergenti povertà in ambito locale, l'associazione impegna i suoi volontari anche nelle campagne di sensibilizzazione sui temi delle disuguaglianze, del rispetto ambientale, dei sistemi economici alternativi. Alla cittadinanza attiva, alla legalità ed al volontariato sono stati altresì dedicati dei campi scuola a cui hanno partecipato decine di giovani.